Tag Archives: gelato

ENJOY THE LITTLE THINGS – L’INIZIO DI (UNA) STAGIONE

Il calore dell’ottobrata romana sta splendendo e dall’estate ha ereditato le sfumature più dorate, come un passaggio di consegne che somiglia ad un regalo. Sta indossando il suo vestito migliore, sta mostrando il suo profilo buono. E ci sta dando il suo momento più magico: il vento ancora tiepido che arriva improvviso e risveglia le foglie. Le attraversa, le anima. Le ravviva. E il colore si intensifica, quando i raggi di luce colpiscono dritto.  (altro…)


CORRENDO CORRENDO…

IMG_5552

Qualche sera fa, al concerto di Francesco De Gregori sotto un cielo immobile di seta rosa, mentre ascoltavo “La leva calcistica della classe ’68” ho pensato che voglio fare come il dodicenne Nino, che mise il cuore dentro alle scarpe e corse più veloce del vento.  (altro…)


CRONACA ESTIVA DI UN APPUNTAMENTO

IMG_5534

Con curiosità, qualche timore e un senso di euforia che porta la mente altrove, a chiedersi chissàcosasuccederà: gli appuntamenti più attesi si vivono tra emozione e quel senso di bello che si respira già in anticipo nell’aria e ci sorprende inconsapevolmente a sorridere, da soli. (altro…)


RIEMPIRE COPPETTE ALL’INFINITO

.

Ho
fatto delle foto. Ho fotografato invece di parlare. Ho fotografato per non
dimenticare. Per non smettere di guardare.
(Daniel
Pennac)

(altro…)


ROTOLANDO VERSO SUD

Per
tanti anni ho visto l’estate attraverso la lente rettangolare della maschera, alla
ricerca di un mondo sommerso e parallelo sotto ai miei piedi, facendo capriole
un po’ goffe e verticali con le gambe mai perfettamente dritte, tra paguri timidi
che si rintanavano sotto la sabbia e pesci spavaldi che quasi si facevano
toccare. (altro…)


COCCO(LANDO) AMICIZIE

Ci sono amicizie che camminano in punta di piedi, che
partono magari distratte e pian piano prendono quota, così come salgono la
stima, la sintonia, la voglia di conoscersi.
Quelle amicizie pacate che si alimentano discorso dopo discorso e sono una progressiva scoperta. E ti
regalano una sensazione che per me vale molto più di mille “tesoro”
lanciati al vento o di frasi fatte un po’ vuote: lo stupore.

(altro…)


UN AGOSTO ALLE PORTE

 

Se avessi
una casa in campagna, la vorrei di pietra, con muri spessi, con il sole che li
illumini al tramonto e ombre con cui giocare, disegnando animali con le mani o
sagome che si danno un bacio. Avrebbe le finestre colorate di verde acqua, con persiane
segnate dal vento, dal tempo e dalle (nostre) storie, con tende bianche
ricamate, leggere, che si intravedono.

(altro…)


IL PRIMO GELATO NON SI SCORDA MAI

 

Tutto è nato quando da bambina ho assaggiato il Cremino.
Ricordo lo “scroc” del morso alla punta di cioccolato e subito la panna, la
parte bianca, la più buona. Poi ho scoperto il Fior di fragola e il potere del
colore rosa.

(altro…)