Tag Archives: antipasti

LA PRIMA DOMENICA DI LUGLIO

Luglio ha appena aperto gli occhi e vedo già i riflessi di luce nell’iride. Con il primo sguardo, ci siamo comunicati tanto. Non è un’estate come un’altra, questa. Lo so io, lo sa lui. E ce lo siamo detti, con un sorriso reciproco. (altro…)


I MIEI PENNELLI PARTICOLARI

La scatola degli acquerelli era nel cassetto di destra della scrivania, un po’ in fondo, nascosta e protetta, come si fa con le cose a cui si tiene di più. Non era un gioco come un altro, quello. (altro…)


CERCARE SEMPRE, SEMPRE, SEMPRE I COLORI

A volte la vedo di spalle, seduta alla scrivania, con i capelli sciolti e il maglione celeste, intenta a scrivere su uno dei tanti diari, immersa nel suo mondo di parole e prime scoperte, da raccontare a se stessa fermando tutto sulla pagina. (altro…)


MAN-TENERSI

img_0741

Mantenersi, il mio verbo preferito, tenersi per mano. Ti può bastare per la vita intera, un attimo, un incontro. Rinunciarvi è folle, sempre e comunque. (Erri De Luca, “I pesci non chiudono gli occhi”)

Mantenersi. Man-tenersi.

Tenersi per mano. Tenersi (per mano).

Tenerci. Tener-ci.  (altro…)


I MIEI RAMI PIENI DI FOGLIE

img_9067

La continuità ci dà le radici; il cambiamento ci regala i rami, lasciando a noi la volontà di estenderli e di farli crescere fino a raggiungere nuove altezze. (Pauline R. Kezer)  (altro…)


FARE LE COSE TANTO

img_9174

Io sono “una che fa le cose tanto”. Oh, sì.

Fare le cose tanto. Quelle che piacciono. Non risparmiar(si). Non contare, non frenarsi. Non usare la bilancia per le dosi, regolarsi ad occhio. Anzi, a pancia. Dire ancora, volere ancora(altro…)


DI COME CI SI SORPRENDE E… BUONA ESTATE!

IMG_6821

È una gran cosa quando realizzi di avere ancora l’abilità di sorprenderti. Ti fa chiedere cos’altro puoi fare che ti sei dimenticato (dal film “American Beauty”)

Questo luglio è arrivato quasi senza farsi sentire. Non ha parlato troppo e si è tolto le scarpe, per avere un passo lieve. Forse non voleva farsi notare, o non subito. Voleva regalarsi un po’ a sorpresa, portando coppette di gelato dai gusti insoliti e nuove lune tonde. (altro…)


UN GIUGNO A FORMA DI FELAFEL

La vita, in questo giugno, mi sembra una polpetta. Fatta di più ingredienti messi davanti, da scegliere e assemblare. Posso decidere cosa unire, prendendomi la calma dei gatti per rifletterci. Posso andare su sapori sicuri, già assaggiati, oppure azzardare qualcosa che non conosco. In ogni caso, la fusione sarà una ri-scoperta o una sorpresa.  (altro…)


UNA PARTITA ANCORA TUTTA APERTA

IMG_6120

È divertente scalare un pomodoro. Le pareti sono un po’ scivolose, ma si può far presa sulle pieghe come ci si arrampicasse su un albero con cautela. Una volta saliti in cima, ci si siede al centro di tutto, elevati quel tanto che basta per guardar(si) meglio. (altro…)


SAPORE DI SALE, DI MARE… E PANZANELLA

ditticoviareggio

“La cura per ogni cosa è l’acqua salata: sudore, lacrime o il mare” (Karen Blixen)

Lui, il mare, lo sa. Sa che è capace di curare, anche senza fare niente. Ti guarda in modo diretto, riempie ogni spazio visivo, avvolge senza stringere. Sa comunicare, sia quando tace placido, sia quando urla agitato. Sa trovare le parole, a modo suo. (altro…)