Tag Archives: pistacchi

4 ANNI DI BLOG – QUELLO CHE RESTA PARTE DI NOI, NEL TEMPO

4 come gli occhi di due persone che guardano nella stessa direzione, 4 come il giorno in cui sono nata, 4 come le zampette feline, 4 come le spezie della miscela tanto usata in cucina, 4 come le stagioni, ognuna speciale a modo suo, 4 come le lettere che compongono la parola “casa”.  (altro…)


IL TENERO CUORE GUERRIERO

img_2055

Sono donna. E un viscerale tepore mi avvolge quando il mondo mi colpisce. E’ il tepore delle altre donne, di coloro che hanno fatto della vita questo angolo sensibile, combattivo, dalla pelle morbida e dal tenero cuore guerriero. (Alejandra Pizarnik)

Come la nicchia di un divano in cui sedersi, come la ricerca del punto più caldo dentro una stanza, come una bolla creata con un leggero soffio: a volte, le intese sono questo. (altro…)


PICCOLE COSE (COME PISELLI)

 IMG_4809

Il sorriso regalato a quel passante, un paragrafo di una pagina qualunque

La storia è un equilibrio tra le fonti, il disegno che compare unendo i punti, un patto firmato, un bacio non dato

Il futuro che cambia è una somma di piccole cose…

(Niccolò Fabi)  (altro…)


L’ALBERO DELLE CILIEGIE/OCCASIONI

IMG_3146

Mi piace immaginare il mese di giugno come una chiave, di quelle un po’ antiche e robuste, in ferro battuto, con l’estremità ricamata: apre il portone dell’estate con un dolce cigolio, apre il cassetto delle emozioni sopite, apre il mobile dove abbiamo messo la scorta dei sorrisi tenuta da parte per i momenti più duri.  (altro…)


IL CALORE DI CUI ABBIAMO BISOGNO

.

Al
mese di dicembre mi avvicino piano, non so mai cosa aspettarmi. Di solito ci
mette un po’ a svegliarsi, come me la domenica mattina. All’improvviso però
sale in bicicletta e fa uno scatto, come se scalasse marcia. Parte in quarta e
accelera verso il Natale, pedalando agitato, mentre io resto qualche metro indietro e
fatico a stare al passo, alle prese con conti alla rovescia a volte piacevoli,
altre meno.

(altro…)


L’ESTATE E’ UNA SCODELLA QUADRATA

Ricordo
quando l’estate durava quasi tre mesi, con la fine della scuola a darle il
benvenuto e la valigia marrone con le cinghie un po’ dure che si riempiva di
costumi, scarpette di gomma per gli scogli e pensieri azzurri.
Sentivo
davvero il senso del partire a lungo, così tanto che lasciavo un foglietto di
arrivederci sulla scrivania, che era la prima cosa che correvo a guardare
quando rientravo a casa. E ritrovandolo lì, nello stesso identico posto,
accanto al portapenne, mi tranquillizzavo nel sapere che nulla era cambiato
durante la mia assenza.

(altro…)


CAVOLO, CHE TRUCCO!

Alle
feste per bambini ero attirata da due cose: dai panini tondi del buffet che non
mancavano mai ma proprio mai, con il burro spalmato su un lato che dava un
sapore particolare al salame, e da alcuni piccoli spettacoli di magia.
Volavano
carte da gioco, sparivano palline, apparivano fazzoletti, spuntavano oggetti
dal cilindro.
Volevo
capire il trucco. Rifarlo anche io. Pensare che fossi magica.

(altro…)


CON UN POCO DI ZUCCHERO…

Preparare
i dolci è calore, pazienza, passione, attenzione, metodo unito alla fantasia.
Ci sono profumi nuovi e segreti in ogni ricetta, piccole varianti che fanno la
differenza, passaggi che non si devono dimenticare, ingredienti a sorpresa che
arrivano all’ultimo, come quando rincorri un autobus per non perderlo. Ci sono
certezze e imprevisti, delusioni e soddisfazioni, colori e total black come per gli eventi importanti. (altro…)