Tag Archives: merenda

IL RUMORE DELL’AUTUNNO CHE INIZIA

“Ada sa che ci sono cose che, quando iniziano, fanno rumore. E quando sente quel rumore, si ferma e ascolta. Ascolta il rumore delle cose che iniziano. (…) … e, per distinguere le cose che finiscono da quelle che iniziano, aveva imparato a stare attenta. Aveva capito che le cose, quando finiscono, lo fanno in silenzio. Mentre quelle che iniziano fanno un rumore bellissimo”.  (Evita Greco, “Il rumore delle cose che iniziano”)

(altro…)


4 ANNI DI BLOG – QUELLO CHE RESTA PARTE DI NOI, NEL TEMPO

4 come gli occhi di due persone che guardano nella stessa direzione, 4 come il giorno in cui sono nata, 4 come le zampette feline, 4 come le spezie della miscela tanto usata in cucina, 4 come le stagioni, ognuna speciale a modo suo, 4 come le lettere che compongono la parola “casa”.  (altro…)


TRA COSE IMPARATE E PETALI DI MUESLI

img_8749

La cosa bella delle nuove cose che si imparano è che nessuno può portartele via. (B. B. King)  

Come un tesoro dentro una scatola di latta, come un cestino di more appena raccolte, come una provvista di biscotti, come un salvadanaio pieno di monete: le nuove cose che si imparano si tengono vicine e si tengono strette, le si guarda con la coda dell’occhio per controllare che siano ancora lì, per essere sicuri che sì, è tutto vero. (altro…)


APPARTENIAMOCI FINO A ESSERE LO STESSO IMPASTO

IMG_3868

Quando cammino li osservo bene, perchè so che hanno qualcosa da dirmi o mostarmi: parlo dei muri della mia città, quelli solidi che reggono le case, con tutto il peso di storie e di voci, così come quelli delle strade, che vedono scorrere vite senza sosta, rilassandosi solo un po’ di notte.  (altro…)


MELE CHE CONOSCONO LA DOLCEZZA

IMG_1379

Sapeva di nettare e sale. Nettare, sale e mele. Polline, stelle e cardini. Sapeva di racconto di fate. Ragazze-cigno a mezzanotte. Panna sulla punta della lingua di una volpe. Sapeva di speranza. 

(da “La chimera di Praga” di Laini Taylor)  (altro…)


CADRÀ LA NEVE A BREVE…

IMG_1044

Ci sono parole che ci aspettano. Sono lì, appena dietro la porta, pronte a fare un passo per sfiorarci e farsi notare. Sanno uscir fuori al momento giusto. Sanno essere “illuminanti”. Fanno in modo che possiamo inciamparci, distrattamente. Pensiamo sia per caso, ma no, quasi nulla è per caso…  (altro…)