• NON UN TIRAMISÙ COME UN ALTRO

    4 febbraio 2018Francesca P.

    Come prima cosa penso alla base, importante perchè sorregge tutto quello che sarà aggiunto sopra: una base morbida ma resistente, come un buon materasso; una base accogliente ma sicura, come una mano aperta; una base da cui partire affidabile, come il calcestruzzo necessario per le fondamenta. 

    Continue Reading
  • “O” COME CIAMBELLINE

    5 febbraio 2017Francesca P.

    “O” come Oggi. Il momento presente, la strada sotto ai piedi, la valigia aperta, il sole che nasce, la messa a fuoco su quello che accade, il voglio e non il vorrei, la matita con la punta appena fatta, tutta la gamma di sfumature dell’afferrare, del prendere e dello stringere. Piano ma anche forte. 

    Continue Reading
  • BINARI CROCCANTI CHE NON DERAGLIANO

    6 marzo 2016Francesca P.

    Chi vuole scrivere impari prima a leggere… Leggere tra le righe, ma soprattutto oltre. Cercare quello che c’è dietro le parole, scavalcando l’immediato. (Sof)fermarsi sugli incisi, su quello che viene abbracciato dalle virgole. Che sembra sospeso, ma in realtà è solo protetto. Messo al riparo dal vento, tra due ciglia cadute sul foglio.

    Continue Reading
  • UNA GIORNATA DA VIVERE BENE

    9 novembre 2014Francesca P.

        Le giornate libere che voglioviverebenesindall’inizio cominciano lentamente, con un risveglio sottovoce e una carezza in più, con i minuti che riposano sul cuscino intrecciati ai capelli e non hanno la minima voglia di correre. Aprire la tenda color panna solo da un lato, alzare la serranda, scrutare il cielo, fissare per un attimo…

    Continue Reading
  • È PRONTA LA COLAZIONE

    19 gennaio 2014Francesca P.

    È bello sfiorarsi la mano in mezzo alla gente o scambiarsi un gesto complice come un segnale da decifrare. Sentire che ci sei. Fare “m’ama non m’ama” con i biscotti e poi mangiarli, come si mangia l’amore quando nasce. Essere dentro alle cose, farsi avvolgere. Non scappare, ma solo sedersi in un angolo a osservare…

    Continue Reading
  • FORSE MI TROVO

    8 dicembre 2013Francesca P.

      Tra le scatole che contengono i vecchi giochi, come il trenino di legno con il cordoncino un po’ consumato, la girandola dagli spicchi colorati, il labirinto in cui la pallina d’acciaio cadeva in buca puntualmente alla seconda curva, il piccolo videogioco in cui Snoopy giocava a tennis sull’albero.  Tra gli scaffali più alti, impolverati,…

    Continue Reading