• IL TEMPO INTERNO – FOCACCINE A LENTA LIEVITAZIONE

    21 gennaio 2018Francesca P.

    Mi piace sentirlo, percepirlo. Ultimamente mi parla spesso, dicendomi cose importanti: kairós viene a trovarmi in tanti frangenti, batte dentro e piano, con un “tic tac” leggero, dal ritmo dolce. 

    Continue Reading
  • LEGGERA E LIBERA

    22 gennaio 2017Francesca P.

    In questo weekend, Roma ha preso dal freezer il clima e l’ha messo a scongelare un po’ nel forno, riprendendosi le sue temperature che erano scappate altrove. Sabato mattina sono uscita nel sole, levando dalla testa, dopo giorni, il cappuccio del piumino, allentando il nodo della sciarpa viola e ritrovando quella piacevolezza che la mia…

    Continue Reading
  • ANCHE LE MELE HANNO DELLE (BELLISSIME) CICATRICI

    20 novembre 2016Francesca P.

    Le cicatrici sono aperture attraverso le quali un essere entra nella solitudine dell’altro. (Frida Kahlo) Come fessure di una persiana, che fanno passare la luce e ridanno calore al legno. Come segni sul terreno, che tracciano un canale dove scorre l’acqua che fa placare la sete. Come impronte sulla neve alta e fresca, che scendono…

    Continue Reading
  • DI CASSETTO IN CASSETTO

    23 ottobre 2016Francesca P.

    Delle persone, mi interessano i cassetti. Quelli che hanno un pomello, che scorrono facilmente e vedi subito l’interno, come a dire io contengo questo, eccomi. Ma anche quelli a pressione, che si aprono solo se sai trovare il punto preciso da toccare e non sempre è immediato. Ma quando ci riesci, dopo lo scatto, sembrano…

    Continue Reading
  • LE EMOZIONI CHE VOGLIO NEL PIATTO (DEL GIORNO)

    29 novembre 2015Francesca P.

    Sono fatte così, le emozioni: non bussano prima di entrare e non dicono quando arrivano, come un ospite inatteso che fa fare un sobbalzo. A volte sono dispettose come i gatti: le chiami a voce alta ma non si fanno trovare, nascoste chissà dove, per poi (ri)apparire all’improvviso. 

    Continue Reading
  • L’AUTUNNO COME UNA FETTA DI PANE CALDO

    4 ottobre 2015Francesca P.

    In questi giorni ho assaggiato l’inizio dell’autunno come una fetta di pane caldo. L’ho respirato come un odore di brace che si sente dalla strada. L’ho ritrovato come una persona che non si vede da un po’ di tempo ma di cui non si dimentica la voce, il profumo, il sorriso. Il valore.

    Continue Reading
  • IMPRESSIONI DI SETTEMBRE

    21 settembre 2014Francesca P.

    Mi piace questo settembre romano che abbraccia l’estate e non vuole farla andare via. La tiene stretta, quasi a cullarla, perché sa che presto inizierà a sentirne la mancanza. E allora la guarda e se la dipinge dentro gli occhi, per non dimenticarla. Mi piace il settembre quieto, un po’ pigro, che fa suonare la…

    Continue Reading