• QUEL “TOC TAC” INCONFONDIBILE

    14 maggio 2017Francesca P.

    C’era un tavolo, tondo. Una luce soffusa. Una ciotola di plastica, gialla, un po’ rigata. C’era un sacchetto, di carta stropicciata. C’erano mani pazienti, che non avevano fretta. C’erano pomeriggi silenziosi o sere lente. C’erano gesti, precisi, sicuri. Come un rito, qualcosa che si sa e si torna a fare, in modo ripetuto ma non…

    Continue Reading
  • CERCARE SEMPRE, SEMPRE, SEMPRE I COLORI

    5 marzo 2017Francesca P.

    A volte la vedo di spalle, seduta alla scrivania, con i capelli sciolti e il maglione celeste, intenta a scrivere su uno dei tanti diari, immersa nel suo mondo di parole e prime scoperte, da raccontare a se stessa fermando tutto sulla pagina.

    Continue Reading
  • LE STELLE DEL MIO CIELO HANNO IL GUSTO DI LIMONE

    22 maggio 2016Francesca P.

    Sono parole da sfogliare, i petali dei fiori. Attaccati da un filo sottile, delicatissimo. Se sai accarezzarli, non cadono. Restano lì, come vite sospese, fragili, ma che non vogliono perdersi. Non del tutto. Non ancora. 

    Continue Reading
  • E SE FOSSI UN MACCHERONE?

    11 gennaio 2015Francesca P.

    Siamo tutti un po’ pastasciutta, ognuno con il suo formato, le sue caratteristiche, le sue inclinazioni. State ridendo? Vi mostrerò quanto ancora una volta cibo e vita siano vicini… Quando i pensieri sono aggrovigliati come un nido di rondine, diventiamo dei fusilli. Contorti, ripiegati su noi stessi, giriamo a vuoto come viti da stringere o…

    Continue Reading
  • UN FIOR DI SORPRESA

    4 maggio 2014Francesca P.

    Le giornate a volte mi sembrano una combinazione di incastri da trovare come quando mi incaponivo con il cubo di Rubik e restava fuori sempre la casella verde, oppure quando provavo a finire quei puzzle da 2000 pezzi con mia nonna che mi diceva “Inizia dai bordi, che è più facile”. Mi piaceva farli seduta…

    Continue Reading
  • FORSE MI TROVO

    8 dicembre 2013Francesca P.

      Tra le scatole che contengono i vecchi giochi, come il trenino di legno con il cordoncino un po’ consumato, la girandola dagli spicchi colorati, il labirinto in cui la pallina d’acciaio cadeva in buca puntualmente alla seconda curva, il piccolo videogioco in cui Snoopy giocava a tennis sull’albero.  Tra gli scaffali più alti, impolverati,…

    Continue Reading
  • PER NON DIMENTICARE

    1 dicembre 2013Francesca P.

    La cucina non è solo una delle stanze della casa, è la nostra stanza. Ci passa tanta vita dentro. Ogni gesto rappresenta qualcosa. Ci rappresenta. Infarino stagioni, ognuna con la sua consistenza e la sua trama. Taglio domande, affetto contraddizioni, sminuzzo bilanci. Provando a non ferirmi. Lascio ad essiccare parole, affidandole al vento, facendole respirare.…

    Continue Reading
  • AFFEZIONARSI

    29 settembre 2013Francesca P.

    Ho un rapporto sentimentale con ciò che mi piace.Non uso mediazioni, non ho mezze misure. Mi lascio andare. Mi affeziono. Mi affeziono agli oggetti. Soprattutto a quelli che non ci sono più, lontani nel tempo. Come la penna stilografica dall’inchiostro azzurro, il quaderno dove ricopiavo le frasi più belle dei libri che leggevo, lo zaino…

    Continue Reading
  • BENVENUTO RAGGIO DI SOLE

    22 aprile 2013Francesca P.

    Sono cresciuta con la musica e soprattutto con le parole e i peti dei cantautori. De Gregori, Guccini, Dalla, De Andrè, Conte, Vecchioni. I miei preferiti erano e sono Guccini per la sua struggente malinconia (Sara, so che mi capisci) e De Gregori per la leggerezza e la poesia. Le loro canzoni hanno fatto da…

    Continue Reading
  • I MIEI PRIMI 30 GIORNI (DI BLOG)

    28 marzo 2013Francesca P.

    Io sono una donna che fa bilanci (che sale meno sulla bilancia). Che ad un certo punto si ferma, si guarda indietro, tira le somme e tiene i conti pur avendo sempre avuto 4 in matematica. Sono una fan dei “mesiversari”. Vivere il “mesiversario” mi piace perché c’è il gusto dell’attesa. Si fa il conto…

    Continue Reading
1 2